Circolare n.08/2012 – Certificati e Gradazioni



Con la presente volevo ricordarti che i detentori di vino, per ciascuna partita certificata o porzione della stessa partita, debbono assicurare la rispondenza tra i certificati di idoneità alla Docg/ doc e le relative partite di vino, permettendo agli organi di controllo di verificare il sistema di tracciabilità delle partite certificate.
Va ribadito che la gradazione alcolica indicata nella partita certificata è quella che va indicata, sia nel vaso vinario che nell’etichetta del recipiente, tenendo presente che è consentita una tolleranza di mezzo grado in più o in meno rispetto a quella accertata nell’analisi.
Stessa attenzione va posta anche a tutte le altre tipologie di vino, anche se non hanno un certificato di idoneità come riferimento.
Se al momento del controllo si riscontrano difformità analitiche, la partita viene posto sotto sequestro e la multa applicata supera i 4000 €.

Enocentro Fermano
di Mazzoni Alberto